30/05/2021 - 31 MAGGIO – GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO

Autore: Redazione

 

Smettere di fumare

 

 

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO

WORLD NO-TOBACCO DAY 2021

Commit-to-quit

Impegnati a smettere

 

 

 

Tra i fattori di rischio che concorrono maggiormente alla perdita di anni di vita in buona salute, un posto di primo piano spetta sicuramente al fumo di tabacco, riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come uno dei più gravi problemi di salute pubblica al mondo. Per l’OMS il consumo di tabacco (tabagismo) rappresenta la seconda causa di morte nel mondo e la principale causa di morte evitabile; quasi 6 milioni di persone perdono la vita ogni anno per i danni da tabagismo e fra le vittime oltre 600.000 sono non fumatori esposti al fumo passivo cioè al fumo che viene inalato involontariamente da coloro che vivono a contatto con uno o più fumatori. Tra i rischi del tabagismo è stato dimostrato anche l’aumento della vulnerabilità al CoViD-19. Infatti, i fumatori hanno un rischio maggiore del 40-50% rispetto ai non fumatori di CoViD-19 in forma grave e di esito fatale.

Ogni anno, il 31 maggio, l’OMS e i partner in tutto il mondo celebrano la Giornata Mondiale senza Tabacco, evidenziando i rischi per la salute associati al consumo di tabacco e sostenendo politiche efficaci per ridurre il consumo di tabacco. La tematica proposta dall’OMS per il 2021, “Impegnati a smettere”, mira a sostenere i consumatori nel tentativo di cessare l’uso del tabacco, attraverso varie iniziative e soluzioni. Abbandonare l’uso del tabacco, infatti, ha importanti benefici per la salute nell’immediato e nel lungo termine. La cessazione del consumo di ogni prodotto del tabacco migliora la salute, salva vite umane e comporta risparmio di denaro.

L’OMS riporta più di 100 ragioni per smettere di fumare https://www.who.int/news-room/spotlight/more-than-100-reasons-to-quit-tobacco Alcune sono ben note, come il cancro ai polmoni, alla laringe e al cavo orale causato dal fumo o il maggiore rischio di malattie cardiovascolari e ictus o i danni al feto in gravidanza. Altre ragioni sono forse meno note al pubblico, ad esempio la correlazione tra fumo e perdita uditiva o l’identificazione del fumo come fattore di rischio per la demenza.

Per queste ed altre ragioni, i logopedisti sono impegnati in prima linea nel contrasto al tabagismo. Tuttavia, smettere di fumare può essere molto difficile e richiedere un supporto. In Italia è disponibile il Numero Verde contro il Fumo 800 554088 dell’Istituto Superiore di Sanità, un servizio anonimo e gratuito, disponibile dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 16.00. Lo stesso Istituto organizza il 31 maggio un Convegno nazionale sul Tabagismo, fruibile in streaming gratuitamente https://www.iss.it/tabacco-sigarette-elettroniche/-/asset_publisher/8RGFP0hES89P/content/giornata-mondiale-senza-tabacco-world-no-tobacco-day-2021  Tale convegno è occasione per approfondire la tematica “Impegnati a smettere” proposta dall’OMS ma anche per divulgare i dati del Rapporto sul fumo in Italia e promuovere interventi aderenti alla realtà nazionale alla luce anche dei bisogni e delle motivazioni degli utenti del Telefono Verde contro il Fumo.

 

 

Tag: , , ,

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.

134 queries in 0.826 seconds.