17/09/2021 - 17 settembre – World Patient Safety Day – Giornata Nazionale Sicurezza delle Cure

Autore: Redazione

Safe maternal and newborn care_logo

Il 17 settembre si celebra la Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita.

La giornata è stata ufficialmente indetta nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 aprile 2019, su proposta del Ministro della Salute e in accordo con la Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, aderendo alle indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. E’ nata per sottolineare che la sicurezza delle cure è parte costitutiva del diritto alla salute, come previsto all’art.1, comma 1, della legge 24 del 2017.

La data, il 17 settembre di ogni anno, coincide con la Giornata mondiale della sicurezza dei pazienti (World Patient Safety Day) promossa a livello internazionale dall’OMS che prevede la realizzazione di iniziative di sensibilizzazione e la simbolica illuminazione in colore arancione di monumenti nazionali dei singoli Paesi aderenti.

Il tema individuato per la Giornata 2021 dall’OMS è quello dell’Assistenza materna e neonatale sicura. Anche quest’anno il Ministero della Salute ha organizzato un evento a partire dalle ore 10:30 del 17 settembre, la diretta streaming potrà essere seguita sul portale e sui canali social del Ministero:

http://www.salute.gov.it/portale/home.html

https://www.youtube.com/user/MinisteroSalute

https://www.facebook.com/MinisteroSalute/

La sicurezza delle cure è un tema trasversale a tutte le professioni sanitarie, fa riferimento a quello specifico processo che porta a evitare, prevenire e mitigare effetti avversi o danni derivanti dal processo di assistenza sanitaria.

 
Come il Logopedista è coinvolto in questo processo di sicurezza nello specifico tema “Safe maternal e newborn care” di questo anno?

 

L’aumento delle nascite e del tasso di sopravvivenza dii neonati prematuri, o con condizioni medicalmente complesse, ha richiesto una evoluzione delle Terapie Intensive Neonatali in termini di organizzazione e modelli di cura.

L’American Speech-Language Hearing Association (ASHA) riconosce l’impatto significativo dello sviluppo della comunicazione, della cognizione, dell’alimentazione e deglutizione nel neonato in via di sviluppo e l’importanza delle conoscenze e abilità del logopedista in qualità di professionista competente ed efficace nell’erogazione dei servizi per neonati prematuri e le loro famiglie su 6 ambiti principali: Comunicazione e sviluppo cognitivo, Alimentazione e deglutizione, Educazione e consulenza per genitori e caregivers, Formazione e collaborazione del team, Educazione pubblica e ricerca.

Per favorire il passaggio dalla nutrizione con sondino naso gastrico all’alimentazione orale (considerata uno dei criteri cruciali per la dimissione del neonato dalla TIN – Position Statement dell’l’American Academy of Pediatrics,1998 e 2011) il logopedista conosce, identifica e applica metodi e strategie appropriati al tipo di disordine senso oro motorio (disfagia neonatale), accettabili, ossia tali da evitare situazioni di stress e dolore, e sicuri, ossia tali da evitare potenziali rischi di aspirazione e compromissioni fisiologiche.

Il Logopedista sviluppa programmi di intervento adeguati alle condizioni cliniche, allo stato comportamentale e alle competenze presenti ed emergenti del piccolo paziente, applicando le migliori pratiche che seguono i principi di neuro protezione e regolate secondo un approccio di Family Centered Care, collaborando al miglioramento del percorso di assistenza sanitaria dedicato a questa popolazione fragile di piccoli grandi guerrieri.

Tag: , , ,

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.

134 queries in 0.801 seconds.